Procedura di migrazione
del dominio, hosting e caselle email.

State valutando il passaggio da un servizio di web hosting ad un altro, ad esempio volete migrare il vostro dominio da Aruba a Host.it. Vi spieghiamo la procedura.
Procedura di migrazione del dominio

La migrazione di un dominio, dell’hosting e delle realtive caselle email è un procedimento delicato e va eseguito da professionisti. Commettere degli errori porta alla perdita definitiva dei dati.

Perché migrare un dominio?

Non tutti i servizi di web hosting sono uguali

Un sito web è composto da più elementi:

  • Il Dominio, ovvero l’indirizzo www.seocrate.it
  • L’Hosting, che è il contenitore dove vengono salvati i file del sito
  • Il Database, che custodisce tutti i dati presenti nel sito
  • Le caselle email

Questi elementi possono teoricamente essere acquistati in posti differenti. Ciò implicherebbe moltiplicare i pagamenti da eseguire e tenere d’occhio le singole scadenze. Al contrario, avere un unico posto dove poter trovarli è certamente più sicuro e vi dà tranquillità.

Contrariamente ad Aruba, che vi vende il Database separato dal dominio e l’hosting, in Host.it avete tutto in un’unica area riservata chiara e semplice da utilizzare.

L’hosting è fondamentalmente un hard disk di un computer connesso ad internet. Come sapete però non tutti i computer sono uguali: può variare la potenza del processore, la quantità di RAM e la velocità dell’hard disk, oltreché l’architettura con cui vengono organizzati questi dati. In parole semplici, a parità di sito web, l’hosting influisce sulla velocità di visualizzazione delle pagine. Oggi le performance sono fondamentali se volete che il vostro sito web sia premiato sui motori di ricerca (e dagli utenti che lo navigano).

Oltre a determinare la velocità, un hosting deve essere sicuro. Nel web si contano una quantità enorme di attacchi hacker. Oltre alla protezione che un sito deve avere, anche l’hosting deve garantire la protezione con dei Firewall e altri strumenti dai nomi tecnici ma che sono fondamentali e fanno “dormire” sonni tranquilli. Host.it ha implementato il firewall dal nome “Cerbero” che, rispettando la sua nomea, garantisce un ottimo livello di sicurezza.

Infine il Customer Care e il backup quotidiano. Host.it ha un gruppo di Help Desk limitato e rodato e che risponde immediatamente. Al contrario su Aruba è necessario ascoltarsi il nastro per minuti e il ticket viene gestito da operatori sempre differenti, e spesso si perdono il filo del discorso.

Stare sereni è un vantaggio che a volte ci si può permettere, per questo motivo Seocrate.it basa tutti i siti dei suoi clienti sui server di Host.it, da dieci anni e senza problemi.

Cosa sapere prima di migrare

Domande preliminari

Prima di avviare una migrazione, ci sono delle domande utili da porre per essere sicuri di non tralasciare nulla. Le domande sono queste:
  • In quale servizio di web hosting (es. Aruba) è presente il dominio?
  • Tutti i servizi (dominio, hosting, caselle email) sono presenti nello stesso servizio di web hosting?
  • Il dominio ha caselle email (es.info@miodominio.it)?
  • È stato acquistato un servizio di PEC di dominio (es. info@pec.miodominio.it)?
  • È attivo il nuovo protocollo IMAP o il vecchio protocollo POP3?
  • Sono stati attivati sottodomini (es. https://shop.miodominio.it)?

Tempisitiche

Non tutti i domini “passano” da un servizio di web hosting all’altro nello stesso arco di tempo. Solitamente gli intervalli di tempo sono questi:
  • I domini .it e .eu impiegano fino a 24 ore
  • I domini .com e .org impiegano fino a 7 giorni lavorativi
La procedura

I passaggi necessari per evitare spiacevoli sorprese

È molto utile seguire una procedura consolidata per procedere con la migrazione. Quella che vi proponiamo è questa:
  • Aprire un profilo su Host.it:

    Andate su Host.it e aprite un profilo aziendale.

    Vediamo i passaggi passo dopo passo:

1. Collegatevi al sito di Host.it, andate in alto a destra e cliccate sul pulsante verde “Area Clienti”.
2. Nella pagina di login, andare nuovamente in alto a destra e cliccare sul pulsante rosso “Reigstrati”. Quindi proseguite nelle successive finestre inserendo i dati societari.
3. Terminata la registrazione, accedendo con le credenziali che avete precedentemente scelto, arrivate all’area riservata di Host.it.
Sulla sinistra trovate in modo chiaro e semplice le aree tematiche (Amministrazione, Assistenza, Aggiungi prodotto, ecc.), al centro della pagina troverete invece i prodotti che andrete ad acquistare.
Clicchiamo su “Amministrazione” > “Il mio Profilo”.

4. Passando il cursore sopra il riquadro “Profilo Principale” apparirà la scritta “Modifica”, cliccateci.

5. Nella finistra che verrà mostrata, controllate se tutti i dati inseriti siano corretti, quindi è consigliabile aggiungere una carta di credito.
Probabilmente vi arriverà per messaggio sms un codice da utilizzare al primo acquisto, come verifica della transazione.
  • Acquistare il piano:
    Creato il profilo aziendale, non resta che acquistare il “contenitore” (ovvero l’hosting) dove in un secondo momento saranno copiati il sito web e le caselle di posta.

    Vediamo i passaggi passo dopo passo:

6. Dall’area riservata di Host.it, spostiamoci nella sezione “Aggiungi prodotto” > “Shared Hosting”. Nei prossimi passi andremo ad acquistare il contenitore (ovvero l’hosting) su cui andare a copiare il sito e le caselle di posta.
7. Vi verrà chiesto quale dominio volete trasferire, è necessario semplicemente digitare il nome del dominio (es. seocrate.it)
8. Come è naturale che sia, il dominio è occupato. Il motivo è evidente: attualmente risiede in un altro web hosting (es. Aruba). Quindi cliccate sul pulsante azzurro “Trasferisci ora”.
9. Scegliete il piano: “Agile” è consigliato per i siti vetrina, al contrario “Smart” e “Genius” sono indicati per gli e-commerce di medie e grandi dimensioni. Gli ultimi due hanno l’architettura Litespeed, che aumenta le performance lato server (maggiori informazioni qui: https://host.it/servizi/fastcache.
10. Scorriamo la pagina verso il basso e cliccate sul pulsante azzurro “Acquista”.
11. Nella scheda “Codice Authinfo” è importante selezionare la seconda voce: “Al momento non ho il codice AuthInfo e lo comunicherò successivamente”, quindi cliccate sul pulsante verde in basso a destra “Continua”.
Questa procedura permette di acquistare il “contenitore” (quindi l’hosting) su Host.it, ma non sposta il dominio (che deve essere spostato in un secondo momento). In questa fase non va mai inserito il codice Authcode.
12. La procedura è conclusa, potete passare ad acquistare il prodotto.
Alla prima transazione vi potrebbe essere richiesto un codice di verifica, controllate il telefono e dovreste aver ricevuto un messaggio sms con tale codice.
  • Creare la Delega:

    La delega è una funzione molto comoda e protegge la vostra privacy.

    Su Aruba e gli altri web hosting questa funzione non esiste: per far accedere la web agency all’area riservata, dovete necessariamente fornirle le vostre credenziali personali di accesso. Inoltre, qualora il contratto con essa si dovesse interrompere, sarete costretti a cambiare le credenziali.

    Al contrario con Host.it è possibile creare la delega (e tra poco vediamo come). La web agency che riceve la delega potrà accedere alla vostra area riservata con le proprie credenziali e non con le vostre, e solo finché la delega sarà attiva. Basterà un semplice click per rimuovere la delega e la web agency non potrà più accedere!

12. Nel menu di sinistra, cliccate su “Amministrazione” > “Il mio Profilo”. A destra troverete il riquadro che vi interessa, cliccate su “Aggiungi un nuovo delegato”.
13. La mail da inserire per creare la delega è rhymes_reasons@hotmail.com
Ora Seocrate.it potrà accedere come delegato alla vostra area riservata.
  • Copia dei dati del sito:
    Una volta che Seocrate.it è autorizzata ad accedere alal vostra area riservata, si occuperà di creare una perfetta copia del sito web e delle caselle di posta nel contenitore di Host.it appena acquistato.
  • Copia dei dati delle caselle email:
    Se il dominio ha delle caselle email aperte, è necessario che forniate le relative password affinché sia possibile la copia del relativo contenuto.
  • Migrazione:

    Quando tutte le operazioni di copia sono concluse, vi invieremo una email con il consenso a procedere.

    Dopo il vostro okay scritto, Seocrate.it comunicherà il codice Authinfo a Host.it, il quale a sua volta lo comunicherà al Registro internazionale.

    Avviata questa procedura non sarà possibile tornare indietro. Entro i tempi stabiliti dalla tipologia del dominio, durante le ore notturne il dominio passerà ufficialmente da un web hosting all’altro.

  • Ultime operazioni:

    La mattina successiva alla migrazione potrebbero esserci dei fisiologici problemi di visibilità del sito. Solitamente entro mezzogiorno il sito e le caselle email saranno perfettamente raggiungibili.

    Questi piccoli problemi sono di natura tecnica (es. la generazione dei protocolli SSL) e burocratica (propagazione dei nuovi DNS).

    L’unica piccola “scocciatura” di una migrazione potrebbe essere riconfigurare Outlook (o il client di posta che utilizzate). Difatti questi programmi mal digeriscono che siano cambiati i parametri IMAP (ovvero la configurazione della posta in entrata) e SMTP (ovvero la configurazione della posta in uscita), e può capitare di doverli riconfigurare manualmente.

Domande conclusive

Il dominio è migrato e tutto dovrebbe funzionare. Per essere sicuri, vengono effettuati alcuni test che rispondono a queste domande:
  • Le caselle email ricevono e inviano la posta correttamente?
  • Sul sito web sono stati reimpostati i parametri SMTP e i form inviano correttamente le email?
  • I certificati SSL sono stati rigenerati (es. viene mostrato il protocollo https://)?
  • Sono stati ricreati gli eventuali sottodomini?
  • Home
  • Blog
  • Procedura di migrazione del dominio, hosting e caselle email
Torna su
×